HOME

NOTIZIE

VIDEOS MUZZICYCLES

ELENCO DEI COMPONENTI

CONTACTO
 

Da estrutura óssea, ao Processo
de Desenvolvimento Limpo (PDL)

Le ossa dello scheletro

 

Uno dei misteri della vita ha determinato che le ossa fossero vuote all’interno.
L’uomo scopre, attraverso ricerche avanzate, che se non fossero fatte così il cuore dovrebbe fare più sforzi e lavorerebbe di più. Inoltre, il peso del corpo aumenterebbe più del 20% e le membra diventerebbero storte facilmente.
Le cavità interne formano un insieme più armonico rispetto alla compressione, alla flessione e alla trazione richieste in questo sistema. Nella formazione dello scheletro, le ossa vuote hanno permesso all’uomo e agli animali vertebrati una vita più lunga, li hanno resi più agili, hanno dato più equilibrio e leggerezza anche agli animali che volano e una resistenza meccanica molto superiore rispetto a quella che si potrebbe immaginare in un osso massiccio.

La descrizione sopra è molto superficiale se si pensa alla sofisticazione del meccanismo strutturale dello scheletro, ma ci ha permesso di pensare a una struttura ossea utilizzata nel telaio di una bicicletta. Qualcosa che fosse simile alla struttura ossea, che potesse offrire leggerezza e agilità, nonché sicurezza a tutto l’insieme del progetto. Così sono state create le parti interne del telaio, con variazioni di volume in diversi punti, il che ha dato più equilibrio e armonia alla struttura del telaio.

Il telaio della bicicletta è stato concepito utilizzando il principio delle ali di un aereo, su cui il vento realizza una flessione e ammortizza l’impatto sulla struttura principale. La struttura è flessibile fino a un certo punto durante i movimenti, il che fa cedere il telaio e ammortizza gli impatti al ciclista. Per avere questo effetto è necessario utilizzare uno stampo di plastica assistito con gas nitrogeno fino al 30% del volume del prodotto. Così si può costruire un telaio veramente resistente  e in base al concetto delle ossa di uno scheletro.

Il telaio scheletro pesa il 30% in meno rispetto al telaio massiccio e aumenta considerevolmente la sua resistenza.

Juan Muzzi

 

Juan Muzzi

S .

"Natura vince, numanity non"
"i grandi problemi dell umanità non sono mai state ancora da leggi generali, ma solo attraverso la rigenerazioni di atteggiamenti degli individui.

Se mai ci fu un tempo in cui auto-riflessione era assolutamente necessario e solo cosa giusta, è ora, nel nostro presente epoca catastrofica.
"Carl Gustav Jung" (1916) - ( 1875 - 1961)

La resilienza naturale accade ogni giorno, costante e silenzioso, se si considera che è l'unico riferimento che abbiamo di attività continua sugli ultimi 4.000 milioni di anni e abbiamo confrontato questa "azienda di successo" con le imprese umane negli ultimi 200 anni, dovremmo scoprire come la natura ha molto da insegnare a noi, fornendo modelli per una società migliore e più sostenibile.

Riteniamo che nel nostro stato attuale lo smaltimento di materiale plastico, anche la produzione di alluminio, sono corrette ambientale. Questo ci porta a preparare un processo industriale contemporaneo, che produce un telaio della bicicletta con garanzia a vita.

Non è più necessario estrarre minerali e produrre alluminio. Si basa sul principio della fotosintesi,
in altre parole, afferra la biomassa e anche i rifiuti in plastica che è attualmente disposta dalla nostra società.
Tali rifiuti sono iniettati in uno stampo, e quindi diventa un telaio di bicicletta, che riduce l'effetto serra e produce un risparmio energetico di circa il 90% delle statistiche correnti.

Questo CDM (Clean Development Manufacturing) ci fornisce le caratteristiche di un nuovo concetto di mobilità, che riunisce arte, la filosofia, la tecnologia e sottigliezze come, la solidarietà e l'azione ecologica corretta.

Juan Muzzi
[Torna alla home]
Componentes Vídeos
Vedi più foto » Vedi altri video » Vedi altri reportage »
Muzzicycles © 2016 | La Muzzicycles® è brevettata mondialmente. Torna su